Lavoratore Autonomo o Imprenditore Individuale?

Tags:

lavoratore-autonomoLavoratore autonomo o imprenditore individuale? All’apparenza può sembrare la stessa cosa. Nella realtà, le differenze ci sono e sono molto importanti.

Il lavoratore autonomo è una figura prevista dall’articolo 2222 del Codice Civile ed è colui che si obbliga a compiere, a prezzo di un corrispettivo, un’opera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti di un committente.

Il lavoratore autonomo identifica l’attività di lavoro dei cosiddetti liberi professionisti (i lavoratori delle libere professioni intellettuali del sistema ordinistico o del sistema associativo).

In altre parole sono lavoratori autonomi i professionisti iscritti in un Albo o in un Ordine professionale come ad esempio i commercialisti, gli avvocati, gli ingegneri, gli architetti, i consulenti del lavoro, i geometri, i notai, etc… e i liberi professionisti non iscritti a un albo come ad esempio i consulenti aziendali, i webdesigner, gli informatici, etc…

L’imprenditore individuale è colui che esercita un’attività economica professionalmente organizzata al fine della produzione o dello scambio di beni o servizi (articolo 2082 del Codice Civile).

Si parla di impresa in forma individuale quando il soggetto giuridico è una persona fisica che risponde con i propri beni degli impegni assunti dall’impresa.

Di fatto, sono imprenditori individuali i commercianti e gli artigiani. I primi sono coloro che acquistano merci per rivenderle (sia all’ingrosso che al dettaglio). I secondi sono coloro che vendono un prodotto che hanno fabbricato loro stessi (esempio: falegnami, pasticceri, muratori, etc).

In entrambi i casi (lavoratore autonomo o imprenditore individuale) siamo in presenza di soggetti in possesso di una partita IVA individuale, ma a seconda della categoria di appartenenza cambia l’inquadramento fiscale e la posizione contributiva.

Dal punto di vista previdenziale, gli iscritti a un Ordine professionale hanno l’obbligo di iscriversi alla cassa previdenziale di appartenenza (ad esempio un giornalista deve iscriversi all’INPGI), mentre i lavoratori autonomi non iscritti a un Ordine devono versare i contributi alla gestione separata dell’INPS.

Artigiani e commercianti invece, dal momento che sono imprenditori individuali, devono iscriversi all’INPS nella gestione artigiani e commercianti.

L’aspetto che differenzia maggiormente il lavoratore autonomo dall’imprenditore individuale è l’iscrizione nel Registro delle imprese. Il lavoratore autonomo non è obbligato all’iscrizione nel Registro delle imprese! L’imprenditore individuale invece si.

Chiaro no?

Nessun commento ancora.

Lascia un Commento

reset all fields

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.