12 ott

Come Compilare la Primanota

Tags: , , , , ,

Tenere una precisa e ordinata primanota è molto importante. Nel mio lavoro mi capita spesso di vedere fogli di primanota non correttamente compilati o comunque carenti delle più elementari informazioni.

Compilare correttamente una primanota non è difficile.

La prima nota è un registro elementare che non richiede nessuna forma obbligatoria, dove vengono riportate in ordine di data le operazioni, i movimenti finanziari ed le operazioni che preparano, completano ed analizzano le scritture complesse.

Quali sono i dati da indicare nel foglio di primanota per una corretta compilazione?
La prima nota si presenta come un prospetto all’interno del quale sono indicati i seguenti elementi:
1) Data dell’operazione
2) Descrizione dell’operazione
3) Importo totale
4) Dare e Avere dell’operazione
5) Riferimento al documento contabile (fattura o ricevuta)
6) Partite fuori cassa (banca o altro)

Quali sono le operazioni che vanno annotate in una primanota affinchè la stessa sia più completa possibile? Elenco di seguito alcune delle operazioni che possono essere indicate in primanota:
– emessa fattura
– incassata fattura
– incasso corrispettivi giornalieri
– ricevuta fattura di acquisto
– pagata fattura di acquisto
– pagamento retribuzioni
– pagamento di un costo (condominio, affitto locale, premio di assicurazione, etc…)
– erogazione di un finanziamento
– accreditamento di un finanziamento
– versamento bancario
– prelevamento bancario
– prelievo bancomat
– pagamento F24
– pagamento F23
– pagamento imposte e tasse diverse

Attraverso la corretta compilazione della primanota è infatti possibile tenere traccia di tutti i movimenti in entrata e in uscita di cassa e banca, rendendo più semplice il controllo di gestione ed il lavoro del commercialista.

La primanota può essere tenuta con la modulistica cartacea acquistabile nelle apposite cartolerie specializzate oppure è possibile usare un semplicissimo foglio di calcolo.

Ti potrebbero anche interessare:

Condividi questo articolo

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Delicious
  • Digg
  • StumbleUpon
  • Live
  • Email
  • RSS
  • Print

Commenti Facebook


  1. Antonio R. 18 ott 2012 | rispondi

    Complimenti per l’articolo, è molto chiaro e comprensibile!

  2. elizabeth 24 gen 2013 | rispondi

    volevo chiedere con quale data vanno registrate le operazioni bancarie , in prima nota??? per esempio se ricevo pagamento tramite pos in data 23/01/13 la registro con la stessa data dell’incasso o metto la data dell’estratto conto dove indica data operaz. 23/01 e data accredito 25/01??? A volte poi mi capita di incassare tramite pos due o più ricevute per un totale di per es. 350,00 ….sull ‘e.c. la banca mi mette il totale giornaliero degli incassi quindi in prima nota metterò il totale incassi specificando nella descrizione quali fatt o ricevute sono state pagate, o devo registrare incasso uno per volta….????

  3. jessica 12 feb 2013 | rispondi

    Ti ringrazio di cuore perchè in molti casi mi sei stato utile e spero che la tua collaborazione continui negli anni perchè trovo il tuo lavoro molto altruista nei confronti di semplici impiegate come me.
    Grazie Jessica

  4. piero 23 lug 2013 | rispondi

    gentilissimo,
    da oggi in poi terrò una prima nota ma ho dei dubbi:come registrare un prelievo?
    se nella descrizione (ad esempio) compilo 1)prelievo bancomat su carta n°xy.la somma registrata la reistro in dare o in avere?ed inoltrei successivi pagamenti che magari effettuerò prendendo da quella famosa somma prelevata come avviene la registrazione?grazie anticipate

    • In genere una primanota contiene una sezione che contiene gli importi da registrare in cassa ed una sezione con gli importi da registrare in banca (fuori cassa). Si opererà quindi usando la “contropartita”.

Lascia un Commento

reset all fields